Salute senza farmaci

Dr. H. M. Shelton

Sintesi e adattamento a cura del Prof. Armando D’ Elia

Carrington osservava giustamente: “La legge di azione e reazione è una delle peggio interpretate dell’universo.

p. 6

Un VELENO è una sostanza che non può essere convertita, qualunque sia la quantità, in nessuna delle strutture e delle sostanze dell’organismo vivente e che non può essere utilizzata dall’organismo per il compimento di alcune delle sue funzioni essendo incompatibile con le strutture dell’organismo vivente e con le sue funzioni. In altri termini, tutte le sostanze incompatibili col mantenimento della condizione normale dei tessuti viventi sono dei veleni.

Il trattamento con i farmaci equivale all’usare come rimedi una lista di droghe, di prodotti chimici, di tinture, in una parola: “di VELENI”. Che si presentino sotto forma di acidi, alcali, sali, ossidi, terre, radici, cortecce, semi, foglie, fiori, gomme, resine, secrezioni, escrezioni, etc. sono dei distruttori di tessuti viventi, e producono malattie quando li si pone in contatto in qualsivoglia modo con l’essere vivente.

Ci si avvale di SALI FERRUGINOSI INORGANICI contro L’ANEMIA, la clorosi e altri disturbi fisiologici, ma senza alcun risultato perché essi NON SONO ASSIMILABILI.

Causano irritazione allo stomaco; si dice che sarebbero immagazzinati nel fegato e in altri organi. Ma NON E’ VERO che essi siano utilizzati dall’organismo. Solo certi SALI ORGANICI di FERRO possono essere considerati UTILI. I farmaci inducono l’organismo ad azioni tendenti a liberarsene senza indugio.

p. 15

TUTTE LE ATTIVITA’ DEL CORPO UMANO MIRANO AD ESPELLERE LE TOSSINE ED I CORPI ESTRANEI ALL’ORGANISMO, E A RIPARARE I GUASTI CAUSATI DALLA LORO PRESENZA.

NON ESISTONO “EFFETTI BENEFICI” DEI FARMACI.

IL CORPO NON UTILIZZA NE’ MAI POTRA’ UTILIZZARE DEI FARMACI, QUALUNQUE SIA IL FARMACO CHE VI SI INTRODUCE, IL CORPO MOBILITERA’ LE SUE ENERGIE PER ESPELLERLO, NEUTRALIZZARLO, O RENDERLO INOFFENSIVO IN UN MODO O NELL’ALTRO. E’ questa una delle attività più costose per le riserve d’energia dell’organismo. E CHE HA SEMPRE L’EFFETTO DI INDEBOLIRE IL CORPO E RIDURRE LA SUA CAPACITA’ DI COMPIERE IN PIENO E CON EFFICACIA LE ATTIVITA’ RIPARATRICI NON CHE’ LE ATTIVITA’ ORDINARIE E NORMALI.

Gli IGIENISTI lottano da quasi centocinquant’anni contro l’errore della professione medica che consiste nell’attribuire capacità di azione ai farmaci, cioè ai veleni che vengono chiamati rimedi. In tutte le scuole mediche (ufficiali e non) si insegna che i farmaci agiscono sull’organismo vivente, mentre la realtà è diametralmente opposta a questa affermazione.

Quando il MEDICO pretende che certi farmaci agiscano sull’intestino per PURGARE IL MALATO, noi diciamo che la conseguenza della PURGA è dovuta all’AZIONE INTESTINALE di ESPULSIONE del VELENO-FARMACO.

p. 16

LE RELAZIONI TRA LA STRUTTURA VIVENTE E I VELENI SONO RELAZIONI DI ANTAGONISMO. Tuttavia, la medicina sostiene la tesi dell’azione dei farmaci e della reazione dell’organismo vivente. NOI AFFERMIAMO CHE I FARMACI SONO INERTI E CHE E’ SEMPRE IL CORPO A COMPIERE TUTTA L’AZIONE CONSEGUENTE ALL’INTRODUZIONE DEL VELENO.

p. 17

Gli IGIENISTI, osservando le conseguenze della somministrazione di calomelano o di un altro veleno, non trovavano però alcun mistero in queste azioni, falsamente attribuite ai medicamenti: VI VEDEVANO LA CONSEGUENZA DEGLI SFORZI DELL’ORGANISMO VIVENTE IN GENERALE PER LIBERARSI A QUALSIASI COSTO DEL VELENO.

p. 19

LE AZIONI ATTRIBUITE AI FARMACI SONO AZIONI VITALI.

L’inerzia è la prima proprietà delle cose inanimate e nessun cumulo di risultati delle ricerche farmaceutiche consentirà di scoprire una legge o sistema che provochi l’azione di sostanze inerti.

p. 20

L’AZIONE PROVIENE DALLA CELLULA NON DAL FARMACO

p. 25

I FARMACI SONO INERTI NEL CORPO ESATTAMENTE COME NELLA BOTTIGLIA O NELLA SCATOLA, ESSI NON AGISCONO.

p. 28

SOLO L’ORGANISMO VIVENTE PUO’ AGIRE, LA MATERIA INANIMATA NON AGISCE. La supposta azione del farmaco è solo l’azione del corpo vivente in presenza della materia inerte.

L’Igienismo poggia saldamente su questo concetto fondamentale, il cui valore è dimostrato: L’ ORGANISMO NON REAGISCE, MA AGISCE.

_________________________________________________________________

La scoperta più importante nel campo della salute – L’Auto-guarigione

Le bon guide de l’hygienisme n° 26 p. 36

Dr. H. M. Shelton

LA SCOPERTA PIU’ IMPORTANTE che sia mai stata fatta nel campo della salute e del ristabilimento non è questo annuncio sulle virtù curative di qualche PIANTA TOSSICA, di qualche veleno minerale o di qualche droga-miracolo, ma quella della FORZA CURATIVA CHE RISIEDE NELL’ORGANISMO VIVENTE e non nelle cose al di fuori di esso. Questa scoperta dovrebbe mettere fine una volta per tutte alla ricerca dei rimedi. Si sarebbe dovuto realizzare subito che un ORGANISMO AUTO-CURATIVO non ha bisogno di rimedi e che non può utilizzarli.

Le bon guide de l’hygienisme n. 64 p. 8

L’ AUTO-GUARIGIONE

T. C. Fry

L’ auto-guarigione è la sola guarigione che esista.

Nella Natura, vediamo gli animali che hanno subito delle ferite, delle contusioni, delle ossa spezzate e altri danni, beneficiare di un’auto-guarigione e di una cicatrizzazione. E’ evidente che questa guarigione è effettuata da facoltà e un potere interni, perché nella Natura, gli animali ricercano un angolo tranquillo e ritirato per riposarsi. Non hanno allora quasi nessuna attività. Non consumano cibo.

Istintivamente, un animale ferito si asterrà da ogni cibo che disturba l’applicazione totale delle energie e delle facoltà del corpo per il processo di recupero e di ristabilimento.

Ugualmente, gli esseri umani che sono posti nelle stesse condizioni secondo la nostra natura e le nostre disposizioni, beneficiano dell’auto-guarigione in una frazione del tempo paragonata a quella che si produce quando sono in attività.

La guarigione e la cicatrizzazione sono sempre e per sempre un processo biologico. Il nostro compito è di stabilire le condizioni che permetteranno al corpo di condurre più velocemente e più efficacemente questo processo.

La programmazione intrinseca, l’intelligenza e il potere che hanno sviluppato da un ovulo fertilizzato una meravigliosa creatura costruita perfettamente, rappresenta tutta la forza curativa necessaria. Le condizioni favorevoli all’esercizio di questi poteri possono essere stabilite. In quanto igienista, il vostro ruolo è di conoscerle e di applicarle.

L’idea che si può aiutare il corpo con l’applicazione di sostanze, di condizioni e di trattamenti anormali ha causato molte sofferenze e dolore. Il vostro ruolo è di salvare le vittime delle pratiche nocive e di metterle sulla buona strada affinché si ristabiliscano e conservino una buona salute.

A dispetto della medicina e della religione, ogni trasgressione alle leggi della Natura porta in se stessa la sanzione di una sofferenza alla quale nessuno sfuggirà.- Dr. H. M. Shelton

L’ Igienismo si distingue da tutti gli altri sitemi di guarigione perché rigetta tutti i rimedi e tutti i veleni, e utilizza solamente le sostanze e le condizioni benefiche per aiutare i processi curativi del corpo. Esso mette l’accento, sul fantastico potere di auto-guarigione dell’organismo umano, quai del tutto ignorato ai nostri giorni.

 Da sempre, il RISTABILIMENTO della “MALATTIA”, qualunque sia la forma di trattamento, è stato considerato una PROVA della VIRTU’ CURATIVA di quella FORMA di TRATTAMENTO. I malati ed i medici sono stati ingannati dalle APPARENZE, e delle SEMPLICI COINCIDENZE sono state scambiate per CAUSE ED EFFETTI. (Le bon guide de l’hygienisme n° 59 p. 19)

Bisogna guarire la malattia?

Articolo del Dr. H. M. Shelton

IL Dr. RUSSELL THACHER TRALL aveva posto questa domanda in un editoriale nel 1872:

Occorre guarire la malattia?

Rispose di no. “E noi sfidiamo tutti i medici della terra a contraddire questa affermazione”.

“Difatti, l‘ IDEA della GUARIGIONE è un’ILLUSIONE ILLOGICA E PERICOLOSA e verrà il tempo in cui si verrà a conoscenza che il fatto di guarire ha ucciso più persone sulla terra, che se non ci fosse mai stato nessun VENDITORE AMBULANTE DI RIMEDI.

I TRATTAMENTI COSTRUISCONO LA MALATTIA e i sistemi curativi che sono solamente dei sistemi di INGERENZA NELLA VITA UMANA, sono tutti dei RACKET DISTRUTTORI”. – Dr. TRALL

E se il ristabilimento come la cicatrizzazione sono dei processi biologici che non possono essere né limitati né copiati, come gli Igienisti affermano, allora il piano adeguato per curare i malati sarebbe fornire loro le condizioni più favorevoli per la riuscita dei processi curativi vitali.

LA PRIMA NECESSITA’ in vita del SUCCESSO del PROCESSO CURATIVO è di SCOSTARE TUTTE LE CAUSE di alterazione organica e sistemica.

Per guarire una malattia non serve fare nulla

Le bon guide de l’hygienisme N° 44 pag. 1

T. C. Fry scrive:

Ricevo tante lettere e telefonate in cui mi si chiede cosa bisogna fare o prendere nelle diverse patologie, che sono costretto a definire la mia posizione in generale per il profitto di tutti i lettori.

L’idea comune è che bisogna fare qualcosa per guarire questa o quella malattia.

Ciò mi induce a chiarire LE BASI FONDAMENTALI DELLA VITA.

In primo luogo, PER GUARIRE UNA MALATTIA NON SERVE FARE NULLA.

E’ un errore fare qualunque cosa, qualunque essa sia!

Questo non vi aiuterà, ma vi farà sprofondare ancora di più.

NON DOVETE FAR NIENTE, perché E’ LA MALATTIA STESSA CHE FA TUTTO!

E’ il vostro corpo che fa ciò che volete e OGNI ALTRA COSA DIVENTA UN’INGERENZA NOCIVA.

Vedete, l’INTELLIGENZA DEL VOSTRO CORPO è infinitamente più grande di quella che usate voi per gestire i vostri affari. Il vostro corpo è molto più adatto a gestire i propri affari di quanto voi non lo siate con i vostri.

NON SIATE PRESUNTUOSI a voler fare meglio del vostro organismo in quanto la vostra pretesa abilità riflette solo un’IGNORANZA DISTRUTTRICE di questa salute, così diffusa nella nostra società.

Se il VOSTRO MENU‘ o le vostre pratiche sono convenzionali o quasi, vale a dire SE CONSUMATE degli alimenti cotti, conditi, dei grassi, delle proteine concentrate come carne, pollame, pesce, dei frutti di mare, dei latticini, dei legumi, cereali, allora IL VOSTRO MENU’ VI INTOSSICA.

Questo regime è ancora peggiore se non fate esercizio fisico o se siete stressati.

A CAUSA DEL VOSTRO MENU’, il vostro CORPO sarà PERENNEMENTE INTOSSICATO dai suoi stessi RIFIUTI che non sono eliminati.

Inoltre, LA NATURA TOSSICA DEL VOSTRO MENU‘ aggiunge peso al vostro fardello di TOSSINE.

POTETE voi stesso CONSTATARE IL VOSTRO STATO DI INTOSSICAZIONE ASTENENDOVI DAL MANGIARE per 24 o 36 ore: noterete che la vostra LINGUA è CARICA, diventa BIANCA come una pelliccia.

Certe persone sono talmente intossicate, che hanno una lingua di cotone ed un ALITO FETIDO.

CIO ACCADE al 100% a quelli che mangiano carne, prodotti animali, dei condimenti, degli alimenti cotti e prova che sono più o meno intossicati.

Bisogna sapere che TUTTI I PROBLEMI DEL CORPO DERIVANO DAL SUO AVVELENAMENTO.

E QUANDO IL CORPO SCATENA come ultima risorsa, UNA CRISI CURATIVA DI DISINTOSSICAZIONE (MALATTIA), bisogna capire ciò che esso fa e cooperare con lui.

INVECE di CERCARE di SOFFOCARE GLI SFORZI VITALI DEL CORPO, RESTATE A LETTO E RIPOSATEVI.

Ciò vi permetterà di avere PIU’ ENERGIA per far fronte alla situazione.

NON MANGIATE NIENTE.

Il vostro corpo ha delle riserve sufficienti per i suoi bisogni energetici.

Il consumo di alimenti e i processi digestivi, deviano le energie del lavoro curativo di disintossicazione.

SE VI RIPOSATE E DIGIUNATE DURANTE UNA CRISI, essa finirà in molto meno tempo che se lavorate, mangiate, e provate a lottare contro i sintomi con l’aiuto di TISANE, di MEDICINALI o in altro modo.

QUANDO IL CORPO E’ INTOSSICATO, NON BISOGNA AGGIUNGERE ALTRE TOSSINE SE NO SI RISCHIA GROSSO.

Difatti, QUANDO I MEDICI FANNO SCIOPERO, LA MORTALITA’ SCENDE DAL 25% AL 60%.

CIO’ PROVA quanto sia MORTALE la PRASSI MEDICA di SOPPRIMERE I SINTOMI.

IMPARATE E RICORDATE QUESTO: i problemi del corpo provengono dagli scarti non eliminati e dalle sostanze tossiche ingerite.

QUANDO IL CORPO NON PUO’ TOLLERARE di più L’ACCUMULO DI TOSSINE, SCATENA una “MALATTIA” allo scopo di DISINTOSSICARSI e di RIPARARE I DANNI.

Il vostro corpo requisisce le vostre energie a questo scopo.

Ecco perché provate STANCHEZZA.

Inoltre, le crisi acute di eliminazione non sono piacevoli! Soffrirete finchè il corpo completa il processo di disintossicazione e di riparazione.

RIPETO: il mezzo più veloce per ristabilirsi è quello di cooperare col vostro corpo.

DIGIUNATE, vale a dire BEVETE SOLAMENTE ACQUA e NON ASSUMETE CIBO.

RIMANETE A LETTO la maggior parte del tempo, in una camera soleggiata ed arieggiata.

TANTO RIPOSO E SONNO permetteranno al vostro corpo di ristabilire molto velocemente il suo stato originario!

RIPETO ANCORA che se aggiungerete delle TISANE al fardello di tossine del vostro corpo, o dei VELENI chiamati MEDICINALI, ostacolerete i suoi processi vitali.

Date un colpo che potrebbe anche essere un K.O.

Potete caricarvi a tal punto da ridurre il livello di energia e non poter più condurre il processo di disintossicazione. Questo si chiama SOPPRESSIONE.

In questo caso il CORPO E’ PIU’ CHE MAI CARICO DI MATERIALI NOCIVI.

LA CRISI SUCCESSIVA SARA’ PIU’ GRAVE RISPETTO ALLA PRECEDENTE, e forse si installerà uno stato cronico se non addirittura verranno danneggiate o distrutte delle facoltà vitali, soprattuto degli organi di purificazione come le tonsille, l’ appendice, i reni, il fegato, i nodi linfatici, la milza, ecc.

SOLO IL VOSTRO CORPO E’ IN GRADO DI RISTABILIRSI.

IL POTERE e l’INTELLIGENZA CHE VI HANNO FORMATO DA UN OVULO FECONDATO RISIEDONO SEMPRE DENTRO DI VOI.

Non solo sono capaci di RIDARVI LA SALUTE, ma sono LE UNICHE FORZE CAPACI DI FARLO.

Quando il VOSTRO CORPO intraprende una CRISI CURATIVA, – NON INGERITE NULLA!

Lasciatelo fare ed esso farà per voi un LAVORO FORMIDABILE perché E’ TOTALMENTE AUTO-SUFFICIENTE a patto di fornirgli i suoi bisogni elementari.

E’ UN MAESTRO NEL SUO AMBITO.

Se volete godere di una salute durevole, vale a dire senza malattie, non dovete far altro che ASSECONDARE I SUOI BISOGNI.

SONO POCHI E SEMPLICI.

Quando li avrete forniti al meglio, la salute vi ritornerà.

Uno dei più importanti comandamenti in questa società è: NON AVVELENATEVI.

Le bon guide de l’hygienisme N° 45 pag. 5

Secondo le parole del Dr. TILDEN:

“Da sola, la Natura guarisce e tutto ciò che il medico può fare è palliare i sintomi.

In più tutto quello che che dovrebbe fare è assicurarsi che i suoi palliativi non si aggiungano alla malattia”.

Le malattie acute sono limitate nel tempo. La loro tendenza è verso il ristabilimento ed IL PAZIENTE SI RISTABILIRA’ SENZA TRATTAMENTO

In effetti, starà meglio senza trattamento piuttosto che di essere sottomesso alle ingerenze abituali qualificate pomposamente come terapie.

Per trattare una malattia acuta LA PRIMA REGOLA è di SAPERE CIO’ CHE NON BISOGNA FARE.

Bisogna ricordarsi che la MALATTIA è un PROCESSO VITALE DI AUTO-DIFESA.

Non si ha bisogno di trattarla, ma si deve lasciar seguire il suo corso normale

UNA MALATTIA ACUTA è una REAZIONE più o meno VIOLENTA CONTRO LA TOSSIEMIA.

Di solito, all’inizio è improvvisa, e non dura molto tempo.

IL DOLORE E L’AUMENTO DELLA FEBBRE sono presenti, con la perdita di appetito, la debolezza o lo sfinimento, ecc. Salvo per i casi leggeri, il paziente è costretto a stare a letto e smettere ogni attività. Ciò è una decisione saggia della Natura per conservare l’ energia.

Non è detto che la persona malata abbia meno vitalità o energia nervosa quando i sintomi acuti si manifestano, che non aveva dieci o quindici minuti prima, mentre si dedicava al giardinaggio, tagliava legna, faceva uno scavo o qualche lavoro similare che necessitava della forza e dell’energia.

Ma c’è ragione di pensare che l’ energia utilizzata in queste circostanze è deviata verso il lavoro di eliminazione.

Se non fosse così, come potrebbe un organismo già molto snervato, disporre di abbastanza energia per effettuare il lavoro supplementare che compie nella malattia acuta?

AFFINCHE’ LA PULIZIA RIESCA, è essenziale che l’ attenzione dell’organismo sia concentrata sul processo curativo. E’ per questa ragione che tutte le attività di cui si può dispensare temporaneamente e che non hanno effetto sul lavoro di purificazione, sono interrotte.

Il processo digestivo è provvisoriamente fermo, le secrezioni sono quasi nulle, l’ appetito è sospeso ed il paziente è costretto a riposarsi.

Questo ci porta alla nostra PRIMA REGOLA a proposito di MALATTIE ACUTE: IL RIPOSO.

Il riposo fisico, riposo mentale, riposo sensoriale, riposo fisiologico (digiuno).

I medicinali sono nocivi per i sani

Dal libro NATURAL HYGIENE pag. 464

Il Dr. H. M. Shelton scrive:

C’ è una buona parte di stupidità nella credenza che, benché si sia provato che i medicinali producono la malattia (coma, paralisi, narcosi, ecc.) e la morte negli animali, siano validi nel trattamento degli esseri umani malati.

Dobbiamo imparare a rispettare ciò che salvaguarda la vita, non ciò che la distrugge.

Quale persona normale oserebbe prendere una dose di penicillina, di streptomicina o di cortisone mentre è in piena salute?

Tuttavia, quando ci si ammala si inghiotte di tutto senza nessun timore come se fosse una condizione per ritrovare la salute!

E’ molto evidente che c’è un’immensa illusione in questo campo.

Il Dr. W.T. VAIL aveva scritto nel Giornale del 1858:

“Come si può accettare di prendere i NEMICI PIU’ MORTALI nel vostro seno?

Non c’ è che il DEMONIO che possa persuadervi dell’apparenza innocente e buona di qualche sostanza velenosa, che una sola goccia sulla vostra lingua può distruggere la vostra vita in alcuni minuti, ma che potrebbe sotto certe forme e combinazioni e producendo degli effetti temporanei essere buona per voi.

E’ difficile concepire che una persona intelligente e filantropica possa farlo”.

LA PRATICA DI AVVELENARE UNA PERSONA perché è malata è basata sulla NOZIONE ERRONEA della natura essenziale della malattia.

Quando la grande e gloriosa VERITA’ RIVOLUZIONARIA secondo la quale LA MALATTIA è UN’AZIONE RIMEDIANTE, sarà conosciuta, che rappresenta l’ AZIONE STESSA DEL SISTEMA VIVENTE invece di essere qualche cosa di estraneo che attacca il corpo, allora tutta la PRATICA DI AVVELENAMENTO sarà considerata con DISGUSTO ED ORRORE.

I veleni possono salvare la vita?

Le bon guide de l’hygienisme n. 45-27-17-59-55       (dal libro NATURAL HYGIENE p. 464)                               

Dr. H. M. Shelton

Non è vero che le sostanze che sono velenose per la salute diventano innocue nella malattia.

Difatti, niente è cambiato nelle loro relazioni con l’organismo umano che sia in buona salute o malato.

Se è un VELENO, lo resterà sempre qualunque sono le circostanze.

SE CORRODE i TESSUTI di un UOMO SANO, CORRODERA’ anche i TESSUTI di un UOMO MALATO.

Lo SHOCK incessante dell’organismo con queste SOSTANZE INASSIMILABILI genera delle patologie innumerevoli.

IL CORPO deve mantenere uno STATO di VIGILANZA continua CONTRO I VELENI.

L’ UOMO deve liberare la sua mente dall’errore che quando è malato o quando chiama i medicinali dei rimedi e li ingurgita secondo la prescrizione del suo medico, i veleni si siano trasformati da nemici mortali che erano, in amici, pronti a servirlo in caso di bisogno.

Quando I PONTEFICI DELLA MEDICINA parlano e affermano che non esiste nessun’ altra sorgente che possa salvarci quando siamo malati, se non questa miriade di VELENIche esistono sulla terra, DOBBIAMO CONSIDERARE IL LORO ERRORE.

Migliaia di CARDIOPATICI sono UCCISI ogni anno dai MEDICINALI PER IL CUORE (veleni), che avrebbero potuto vivere parecchi anni senza questi medicinali.

La MEDICINA AVVELENA per GUARIRE, UCCIDE per SALVARE.

I SINTOMI sono i segni dello SFORZO DEL CORPO per porre rimedio alla malattia, ELIMINARLI PUO’ VOLER DIRE UCCIDERE IL MALATO.

Non esiste un solo medicinale in tutta la farmacologia che non vi renda malato quando lo prendete.

Gli ANTIBIOTICI salvano più vite dei vecchi medicinali o essi ne distruggono meno?

Gli ANTIBIOTICI guariscono più malati o ne stanno semplicemente uccidendo di meno?

Gli ANTIBIOTICI sono più curativi degli antichi veleni o meno mortali?

E’ PURA FOLLIA cercare di guarire la malattia ignorando le cause e utilizzando dei metodi che sono essi stessi delle cause di malattia.

I MEDICI conoscono l’ effetto devastatore dei loro medicinali, ma non conoscono nient’ altro per curare i malati.

Ne segue che invece di abbandonare la pratica di AVVELENARE I MALATI, cercano sempre il mezzo per attenuare le loro DEVASTAZIONI.

I veleni sono i soli rimedi? – Le sostanze farmaceuticamente attive – Dr. H. M. Shelton

Le bon guide de l’hygiénisme n. 55 p. 19-20                                  

Dr. H. M. Shelton

Si cercano SOSTANZE FARMACEUTICAMENTE ATTIVE. Certo se sapessero il senso di questa espressione FARMACEUTICAMENTE ATTIVE,cesserebbero immediatamente la loro ricerca.

Difatti, LE AZIONI COSIDDETTE “FARMACEUTICHE” dei MEDICINALI sono, in verità, le AZIONI di RESISTENZA e di ESPULSIONE dell’ORGANISMO VIVENTE. Sono le PROVE che queste sostanze NON SONO UTILIZZABILI, vale a dire sono VELENOSE, e che ilCORPO deve SFORZARSI di ESPELLERLE per EVITARE dei DANNI.

I MEDICINALI NON HANNO le AZIONI CHE SI ATTRIBUISCONO LORO, perché sono delle SOSTANZE INERTI PASSIVE che SUBISCONO L’AZIONE dell’ORGANISMO VIVENTE. Il LORO DINAMISMO è quello delle STRUTTURE VIVENTI, NON quello dei MEDICINALI che sonoSENZA VITA.

Ogni MEDICINALE è un VELENO e ogni NUOVO MEDICINALE un NUOVO VELENO. Importa poco che sia minerale, vegetale o che provenga dal mare o dagli animali, ogni medicinale introduce nell’organismo vivente unaMALATTIA. Sono i SINTOMI della MALATTIA che i MEDICI e i FARMACOLOGI considerano per ERRORE come quelli dei MEDICINALI.

La STUPIDITA’ di questi SCIENZIATI appare nella loro dichiarazione che sperano di avere un veleno estratto dalla schiuma irlandese per guarire le ulcere dello stomaco.

L’IDEA stessa che la MALATTIA possa essere PREVENUTA prendendo un VELENO e IGNORANDO LA CAUSA, è talmente RIDICOLA che anche un giovane alunno sarebbe capace di scoprirne l’ERRORE.

La sola spiegazione della persistenza dell’IDEA PAZZA nella MENTE degli SCIENZIATI, è che HANNO SUBITO un TOTALE LAVAGGIO DEL CERVELLO durante il processo educativo, che sono stati condizionati a tal punto che NON SONO PIU’ CAPACI DI ANALIZZARE LOGICAMENTE.

Gli SCIENZIATI, – MEDICI, FARMACOLOGI, BIOLOGI, ecc. – continuano a credere che la malattia possa essere guarita e che le sostanze adeguate per guarirla siano quelle conosciute per provocare la malattia se introdotte in un organismo sano.

Il vecchio aforisma espresso in latino “UBI VIRUS, IBI VIRTUS”, là dove c’è un veleno c’è una virtù, continua a dominare la mente pensante di quelli che si fanno chiamare scienziati.

L’ IDEA è che, SE UNA SOSTANZA UCCIDE PUO’ GUARIRE.

SE distrugge la salute, può restaurarla.

SE produce la debolezza, aumenterà la forza.

SE si oppone ad ogni funzione e struttura normale della vita, può restaurarle ad uno stato normale quando sono state alterate.

NESSUNA NOZIONE TANTO ASSURDA è stata mai mantenuta dallo SPIRITO UMANO.

CHE COSA SI PUO’ PENSARE di un SISTEMA EDUCATIVO che si qualifica  COLLEGIO di FARMACIA e di SCIENZA?

CHE COSA HANNO da VEDERE, la NEGROMANZIA, il VUDUISMO e la MAGIA con la SCIENZA?

BISOGNA LASCIARE il PROCESSO del RISTABILIMENTO alle SOLE FORZE della NATURA.

_________________________________________________________________

I medicinali non servono: possono solo alterare, deprimere, deviare o dirottare le forze vitali dell’organismo

MEDICINALI alterare deprimere deviare le forze vitali

IPERTENSIONE e MALATTIA CIRCOLATORIA

Dr. H. M. Shelton

copertina

Noi igienisti affermiamo che la GUARIGIONE è un PROCESSO BIOLOGICO e non un’arte; la guarigione avviene per l’ISTINTO del CORPO di preservare se stesso efficiente ed in BUONA SALUTE.

NOI NON CERCHIAMO di PRENDERE IN GIRO il PAZIENTE MASCHERANDO i SINTOMI CON le MEDICINE, ma gli diamo tutti i requisiti normali della vita in accordo ai suoi bisogni e capacità; ELIMINIAMO LA CAUSA dei suoi disturbi e, soprattutto, gli permettiamo un RIPOSO FISIOLOGICO che sarebbe altrimenti impossibile.

LE MEDICINE NON SERVONO e non vengono usate in stato di salute. Esse non hanno alcuna relazione normale col corpo.

Se prese oralmente o per endovenosa in uno stato di salute, sono eliminate tanto rapidamente quanto il corpo malato ne può disporre.

La reazione del corpo al veleno non cambia solo perché il corpo è malato.

Una MEDICINA, infatti, non perde neanche un poco della sua TOSSICITA’ a causa di questo.

Abitualmente PROLUNGA LA MALATTIA perché l’ORGANISMO riconosce la sua natura e COMINCIA immediatamente il PROCESSO di ELIMINAZIONE della MEDICINA.

Nel fare questo, LA MALATTIA per la quale è stata presa, SEMBRA MIGLIORARE in quanto i SINTOMI vengono TEMPORANEAMENTE ALLEVIATI.

L’organismo non può fare due cose allo stesso tempo e bene.

SORGE un’EMERGENZA e SI DEVE DIMENTICARE lo STATO TOSSICO MINORE e mettersi d’accordo con la medicina; ma DOPO CHE LA MEDICINA è STATA ESCRETA, l’ORGANISMO MANIFESTA ancora una volta i SINTOMI della MALATTIA per cui essa è stata presa e si ricomincia tutto da capo.

Le bon guide de l’hygienisme n° 62 p. 14

Marty Fry, trentenne moglie di T. C. Fry, cinquantenne.

Il CORPO scatena il processo di malattia, ma i FARMACI e le PIANTE MEDICINALI sabotano i suoi sforzi aggiungendo UN OSTACOLO IN PIU‘ alle tossine che esso stava eliminando attraverso il processo della malattia. E poiché può gestire una quantità limitata di tossine alla volta, il corpo ARRESTA momentaneamente il processo di malattia e DIROTTA le sue energie all’eliminazione della nuova sostanza offensiva. Se il farmaco o la pianta medicinale sono tossici, se sono presi in dosi che superano la vitalità del malato o se la vitalità del malato è molto bassa, il risultato può essere l’ARRESTO QUASI TOTALE del PROCESSO di MALATTIA.

Le piante medicinali – T. C. Fry

Le bon guide de l’hygienisme n° 62 p. 14-17-19-20-22

LE PIANTE MEDICINALI

T. C. Fry

p. 14

Marty Fry, trentenne moglie di T. C. Fry, cinquantenne.

Il CORPO scatena il processo di malattia, ma i FARMACI e le PIANTE MEDICINALIsabotano i suoi sforzi aggiungendo UN OSTACOLO IN PIU’ alle tossine che esso stava eliminando attraverso il processo della malattia. E poiché può gestire una quantità limitata di tossine alla volta, il corpo ARRESTA momentaneamente il processo di malattia e DIROTTA le sue energie all’eliminazione della nuova sostanza offensiva. Se il farmaco o la pianta medicinale sono tossici, se sono presi in dosi che superano la vitalità del malato o se la vitalità del malato è molto bassa, il risultato può essere l’ARRESTO QUASI TOTALE del PROCESSO di MALATTIA.

p. 17

<< Molte persone non realizzano che in effetti le piante medicinali le avvelenano. Come mai? Le assumono in piccole quantità, di solito non sufficienti a scatenare una reazione grave e dolorosa, ma tanto basta a costringere il corpo a reagire radicalmente per eliminarle. Queste REAZIONI DEL CORPO per eliminare le sostanze tossiche che si trovano nelle piante medicinali sono CONSIDERATE dagli ERBORISTI la PROVA che i loro VELENI sono EFFICACI. Ma i risultati non sono quelli sperati.

p. 19

In verità non c’è forza curativa in nessuna pianta medicinale. Il potere curativo risiede nei tessuti dell’individuo. Una pianta medicinale non guarisce niente. Le PIANTE MEDICINALI come tutti i FARMACI e i VELENI sono SOSTANZE INERTI. NON EFFETTUANO NESSUNA AZIONE. Non stimolano il ristabilimento. Non rimuovono la causa della malattia. Non possono rigenerare il corpo. Sono INATTIVE e ed incapaci di iniziare un’azione costruttiva del corpo.

Ma direte in qualche modo “agiscono”. Quando li introduciamo nel corpo, l’organismo vitale prova ad eliminare questi VELENI più rapidamente che può. Il corpo cerca di proteggersi dai MEDICINALI e dai VELENI sia che questi veleni provengano dagli scaffali di una farmacia sia che provengano dalla Natura.

p. 20

Questi SFORZI PROTETTIVI del CORPO sono SCAMBIATI per l’AZIONE BENEFICA delle PIANTE MEDICINALI. La MANDRAGOLA ad esempio viene da tempo impiegata per curare le MALATTIE del FEGATO. Quando la si ingerisce, causa vomiti, diarrea e colite. L’ERBORISTA considera benefiche queste reazioni perché, dice, la mandragola porta il corpo a ripulirsi.

Ora, ciò che in realtà si verifica è che il CORPO FA UNO SFORZO ERORICO PER ESPELLERE LA MANDRAGOLA attraverso una strada qualunque. La diarrea e le coliche sono il segno che l’organismo vitale sta tentando di espellere una sostanza avvelenante. Non si tratta di una “crisi curativa” generata dalla pianta medicinale.

PIANTE DIVERSE determinano REAZIONI DIVERSE DEL CORPO. Febbre, sudore, diarrea, circolazione rallentata o accelerata, sono dei segnali che indicano che il corpo sta eliminando le tossine delle piante medicinali. Non sono indicazioni che la pianta medicinale sta producendo qualche guarigione.>>

 p. 22

LE PIANTE MEDICINALI

PERCHE’ LE PIANTE MEDICNALI SEMBRANO FUNZIONARE

T. C. Fry

<< Shelton e gli altri Igienisti hanno dichiarato che se una sostanza qualsiasi ha un effetto cosiddetto medicinale, allora deve essere un veleno. E’ così, perché l’effetto cosiddetto medicinale di una sostanza non è niente di più dello sforzo dell’organismo, per rigettare e resistere al veleno. Difatti, le piante medicinali e le altre medicine, al posto di essere DIGERITI ed UTILIZZATI dal corpo, sono ESPULSI.

CHE COSA SIGNIFICA TUTTO CIO’? Prendiamo ad esempio un caso semplice che sembra funzionare.

La MENTA che è piuttosto benigna, è utilizzata talvolta dagli erboristi contro i MAL DI TESTA. Avete mal di testa e bevete una tisana di menta. Non avete più mal di testa. La MENTA vi ha guarito?

Si e no. La maggior parte dei MAL DI TESTA originano dal TURGORE dei VASI INTERCRANICI intorno al CUOIO CAPELLUTO. Questi vasi SI GONFIANO a causa delle MATERIE TOSSICHE presenti nel SANGUE e nel CORPO, poi FANNO PRESSIONE sulle TERMINAZIONI NERVOSE. Quando si prende la MENTA, il corpo riconosce come NOCIVO l’OLIO che essa contiene. LaCIRCOLAZIONE accelera il ritmo ed il CUORE batte più forte. A questo punto, il corpo tenta di eliminare le TOSSINE della MENTA più in fretta che può accelerando la circolazione per consentire l’eliminazione.

L’INCREMENTO della CIRCOLAZIONE dovuta alla NATURA TOSSICA degli OLI della MENTA agisce sui VASI RIGONFI dellaTESTA. I VASI si DILATANO affinché la circolazione possa avvenire rapidamente affinché il VELENO della MENTA possa essere ELIMINATO. Segue che il MAL di TESTA per il momento SPARISCE.

ECCO in che modo il MAL di TESTA è GUARITO. Ma la MENTA HA AGITO? NO, è il CORPO che ha FATTO TUTTO il LAVORO. Ha eliminato un veleno ed i suoi sforzi hanno OSCURATO anche i sintomi di un corpo intossicato, vale a dire in questo caso il MAL di TESTA.

La CAUSA del mal di testa, la TOSSIEMIA, non è stata eliminata dalla menta. Le condizioni che hanno generato la tossiemia, una DIETA MALSANA e delle ABITUDINI di VITA, non sono state migliorate dalla pianta medicinale. Il mal di testa è sparito ma le CAUSE a MONTE PERMANGONO. La stessa cosa avviene con tutte le piante officinali: i SINTOMI sono DEPRESSI dagli SFORZI di ELIMINAZIONE che il CORPO mette in atto CONTRO questa PIANTA MEDICINALE.>>

Le medicine efficaci solo un’illusione

Le bon guide de l’hygiénisme n° 19 p. 11

Ogni tanto la medicina convoca gli ingenui giornalisti locali per annunciare loro di aver fatto “un balzo in avanti” significativo nel campo della guarigione di questa o di quell’altra malattia.

Il ritornello è diventato monotono per colui che si ricorda di i ritornelli simili precedenti.

Ma I PONTEFICI DELLA MEDICINA non sono delle persone stupide.

Essi sanno che il pubblico ha la memoria corta e che può ingoiare di tutto.

Poi subito dopo e con lo stesso tono, si dice che “le ricerche promettenti continuano, ma hanno bisogno di fondi”.

“E i MALATI CREDULONI mostrano la loro generosità riempiendo i loro assegni.”- Albert Mossèri